Rating banche Usa declassato da Standard & Poor’s

Pubblicato da: MatteoT - il: 30-11-2011 13:03

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

L’agenzia di rating internazionale, Standard & Poor’s, ha tagliato il rating di ben 37 banche a livello globale, oltre che di quelle delle loro controllate, comprese tutte e sette i maggiori istituti made in Usa.

Come si legge in una nota dell’agenzia, la revisione è dovuta al cambiamento dei criteri di valutazione annunciati lo scorso 9 novembre 2011 e in cui si parlava di una minore fiducia nella capacità e nella volontà dei governi di salvare banche eventualmente in difficoltà.

Per quanto riguarda gli istituti americani, il rating di Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs e Morgan Stanley è stato abbassato da “a” a “a-“, mentre quello di JPMorgan, Wells Fargo e Bank of New York Mellon è stato abbassato da “aa-” a “a+”.

Rivisto al ribasso anche il rating di Bank of China (da “a” a “a-“) e di varie banche britanniche, tra cui Barclays, Hsbc, Lloyds e Royal Bank of Scotland. Invariata invece la valutazione di Industrial and commercial bank of china, così come non è stato rivisto il rating di varie banche europee, tra cui Deutsche Bank, Credit Suisse, Ing, Bnp Paribas e Crédit Agricole.

Abbassato di una tacca anche il rating di banca nazionale del lavoro, cassa di risparmio di parma e piacenza (da “a+” a “a”), invariato invece quello di Intesa Sanpaolo, Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo, Banca Imi e Unicredit.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.