Al Waleed investe 300 milioni in Twitter

Pubblicato da: MatteoT - il: 19-12-2011 21:30

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Sono trecento i milioni investiti bel micro-blogging; è questa la somma che ha stanziato il principe miliardario saudita, Al-Waleed Bin Talal. La Kingdom Holding Company, azienda di investimenti fondata dallo stesso al-Waleed, ha fatto sapere che «l’accordo strategico giunge dopo diversi mesi di negoziati».

Al-Waleed è uno di nipoti del re saudita Abdullah Bin Abdel Aziz. Il suo patrimonio è stato stimato dalla rivista Forbes a 19,6 miliardi di dollari. «L’accordo del 2012 è un regalo per ogni cittadino arabo. Dimostra la nostra abilità a identificare le opportunità di investimento promettenti che sono caratterizzati da un’alta crescita e con un impatto globale», ha detto Al-Waleed.

L’acquisizione della quota arriva in un momento decisamente delicato per il Medio Oriente date le rivolte della “Primavera Araba”. La partecipazione al social network è passata di mano dopo mesi di trattative e, secondo la Kingdom, «ribadisce la capacità di identificare le opportunità d’investimento nelle imprese a forte crescita con un impatto globale».

Il titolo della holding saudita ha guadagnato il 5,7% al Saudi stock exchange. Dopo un’operazione analoga che ha visto il miliardario conquistare anche 7% di News Corporation, il colosso dei media controllato da Rupert Murdoch. Tra i motori delle rivolte della primavera araba c’è stata anche la tv satellitare al Jazeera.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.