Rating: in tutto il mondo solo in 12 hanno la Tripla A

Pubblicato da: MatteoT - il: 14-01-2012 14:12

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Dopo la perdita della Tripla A subita ieri da Francia ed Austria, i Paesi che nel mondo mantengono il rating massimo per tutte e tre le maggiori agenzie mondiali di rating sono solamente 12. In Europa ne sono presenti ancora nove: Gran Bretagna, Danimarca, Finlandia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e Svizzera.

Questo numero potrebbe ancora drasticamente ridursi, in quanto Moody’s ha avvertito il 12 dicembre che prevede di rivedere le valutazioni di tutti i paesi dell’UE, non solo i paesi che condividono l’euro, nel primo trimestre del 2012.

La tripla A nel resto del mondo è detenuta, per Fitch, Moody’s e S&P, da Canada, Singapore ed Australia. Hong Kong, regione amministrativa speciale della Cina, detiene anche una tripla A.

Francia e l’Austria sono invece in un gruppo di oltre una dozzina di paesi che almeno per un’agenzia di rating sono ancora da tripla A: un gruppo in cui rientra anche l’economia più importante del mondo, gli Stati Uniti

Tra i membri dell’eurozona la Grecia ha visto il suo rating ripetutamente declassato dal momento in cui è cominciata la crisi del debito dello scorso anno. Ora ha una valutazione equivalente per S&P a quella di una società in default parziale (CC con outlook negativo) e Fitch (CCC). Moody è un livello sopra il default (Ca).

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.