Alimentari: il made in Italy perde un’altra azienda storica

Pubblicato da: MatteoT - il: 22-01-2012 16:02

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Il made in Italy deve registrare una nuova perdita: Ar Alimentari, primo produttore italiano di pomodori pelati, passa alla società anglo-nipponica Prices, controllata dal gigante Mitsubishi. Lo rivela il presidente della Coldiretti, Sergio Marini. L’operazione avrebbe portato alla cessione del 51% dell’azienda all’inglese Princes.

“I pomodori pelati sono il simbolo dell’Italia a tavola ma in un solo anno – sottolinea Marini – sono stati ceduti all’estero tre pezzi importanti del made in Italy alimentare che sta diventando un appetibile terra di conquista per gli stranieri. Un processo favorito dalla crisi di fronte al quale occorre accelerare nella costruzione di una filiera agricola tutta italiana che veda direttamente protagonisti gli agricoltori per garantire quel legame con il territorio che ha consentito ai grandi marchi di raggiungere traguardi prestigiosi”.

Con stabilimenti in Campania ed, in Puglia, a Borgo Incoronata, ha un fatturato di circa 300 milioni di euro. Solo il 20% delle vendite del gruppo sono realizzate in Italia, mentre il giro d’affari spazia fra il 30% per l’Inghilterra, il 20% per la Germania, il 10% per l’Africa, l’8% per la Francia, con una percentuale minore per la Grecia, gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone, l’Austria e il Sud America.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.