Banche: in arrivo raffica di fallimenti?

Pubblicato da: MatteoT - il: 02-02-2012 21:10

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Le banche europee sono sull’orlo del collasso e sempre più nella morsa del credit crunch? Le colleghe americane non è che stiano molto meglio. Almeno secondo quanto risulta da un rapporto diffuso da Invictus Consulting Group.

Il messaggio di tale report non è sicuramente confortante, tutt’altro: “preparetevi a una gigantesca nuova ondata di fallimenti di banche americane”, avverte.

Il rapporto esamina tutte le banche garantite dall’autorità bancaria federale Usa (FDIC): sono ben 758 gli istituti di credito che potrebbero subire un collasso nell’arco dei prossimi tre anni. In Europa, ovviamente, il quadro peggiore.

Le banche a rischio – che nella maggior parte dei casi sono istituti regionali o controllate di grandi banche – non sono infatti in grado di sostenersi sulla base degli utili correnti: di conseguenza, falliranno se non saranno inglobate in altri gruppi o se non raccoglieranno ammontari “significativi” di nuovo capitale.

Con asset totali di un valore di 440 miliardi di dollari circa, molti istituti a rischio si trovano negli stati del New Jersey, di New York, Pennsylvania, Delaware, Michigan e Massachusetts e hanno un valore superiore a un miliardo di dollari. Invictus conclude affermando che, tra di essi, 200 banche circa sono strettamente collegate a grandi holding quotate in borsa.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.