Enel bocciata. I motivi? Calo del pil e dei consumi elettrici

Pubblicato da: MatteoT - il: 18-02-2012 10:48

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Enel deve fare i conti con una serie infinita di report negativi. Il titolo, inevitabilmente, crolla a Piazza Affari. Dopo gli oltre 5 punti percentuali persi giovedì, anche nella giornata di ieri le azioni dell’ex monopolista elettrico hanno perso terreno.

La fuga dal titolo è stata causata dalla bocciatura da parte delle banche d’affari i cui analisti, tutto a un tratto, hanno scoperto che Enel – così come tutte le utility i cui margini sono molto sbilanciati sulla produzione e vendita di elettricità – hanno molto sofferto per il crollo del Pil nella secobnda parte del 2011. E che continuertanno a soffrire per tutto il 2011, viste le previsioni.

Sono almeno quattro le banche d’affari che nelle ultime ore hanno rivisto al ribasso i loro giudizi. Ha cominciato JpMorgan e hanno proseguito Ubs, Equita e anche Kepler. JpMorgan, in particolare, ha abbassato il target price da 5 a 4,5 euro, sebbene ora in Borsa ne valga circa 3.

Una presa di posizione ufficiale è arrivato anche da Enel, che ha così spiegato il ribasso dei titoli: “E’ stato Influenzato dai report delle case d’affari allarmate dall’andamento macroeconomico del settore. Al recente forte ingresso di nuova capacità fotovoltaica si sono aggiunti i dati sulla flessione nei consumi nel mese di gennaio annunciati da Terna”.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.