Telecom Italia Media: ricavi in calo del 7,9%

Pubblicato da: MatteoT - il: 21-02-2012 18:08

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Telecom Italia Media ha pubblicato i conti preliminari del 2011 che si è chiuso con ricavi in calo del 7,9% a 238,2 milioni di euro; l’ebitda, invece, si è attestato a 28 milioni rispetto ai 13,2 del 2010. Ebit negativo per 30,7 milioni (-46 milioni nel 2010).

In termini comparabili, ovvero non considerando il provento di 20,5 milioni relativo all’indennizzo riconosciuto da Telecom a Ti Media per la risoluzione anticipata del contratto di competence center (la scadenza era prevista per il 31 dicembre 2012), l’ebit si è attestato a -51,2 milioni. L’indebitamento è salito a 138,7 milioni (115,5 milioni).

A trainare la marginalità del gruppo è soprattutto la raccolta pubblicitaria lorda dei canali La7, crescita di oltre 32 punti percentuali nell’intero 2011 e di oltre 35% nei primi due mesi dell’anno in corso. I ricavi di La7, nel dettaglio, hanno fatto registrare una crescita del 21% attestandosi a quota 139,9 milioni.

I ricavi di Mtv sono stati pari a 73,8 milioni (-24,5%), con la raccolta pubblicitaria lorda scesa del 16,1%, da 67,1 milioni a 56,3 milioni. Lo ha annunciato l’amministratore delegato della società, Giovanni Stella.

A pesare in negativo sui conti sono i ricavi dell’operatore di rete in calo di 21,2 milioni a quota 54,9 milioni, a causa della perdita relativa al cliente Dahlia tv, che nell’esercizio 2010 aveva acquistato banda per 25,6 milioni di euro.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.