Investire nelle opzioni binarie: tre consigli utili

Pubblicato da: MatteoT - il: 02-06-2013 17:00 Aggiornato il: 18-01-2019 10:21

Le opzioni binarie, come ben sappiamo, rappresentano una delle ultime frontiere del vasto mondo del trading online. Sono sempre di più le persone che provano ad affacciarsi a questo mondo, cercando di farne una fonte di reddito accessoria al principale o al Forex. Ma è realmente così semplice ed intuitivo come molti descrivono?

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

bancarotta

La risposta è sì, però è importante partire da un primo passo fondamentale. La scelta del broker. E’ una decisione che non deve essere presa sotto gamba, in quanto da ciò dipenderà oltre che la familiarità con lo strumento finanziario anche la performance futura.

Investire in opzioni binarie, nonostante sia semplice a livello pratico, richiede dei prerequisiti che necessitano di essere affiancati da una piattaforma che soddisfi le esigenze del trader.

Non tutte le piattaforme sono uguali, come non tutti i trader hanno lo stesso modo di investire. Sono tre gli elementi che bisogna analizzare per poter prendere, correttamente, una scelta sul broker di opzioni binarie: deposito minimo, trade minimo e licenza.

DEPOSITO MINIMO: questo deve essere basso, ma avere come controparte anche un trade minimo molto basso. Bisogna ricordare un precetto: quanto più è basso il deposito minimo, tanto più basso deve essere il trade minimo. Questo perchè il trader deve avere la possibilità di diversificare l’investimento. Importante, poi, anche la licenza del broker, che è sinonimo di sicurezza e garanzia.

TRADE MINIMO: rappresenta la somma di denaro minima che può essere destinata ad un investimento. Abbiamo già detto che quanto più è basso il deposito minimo, tanto più basso deve essere il trade minimo. Se un broker, ad esempio, propone un deposito minimo pari a 100 euro ed un trade minimo di 15 euro, allora il trader non potrà pensare di guadagnare con un solo investimento minimo perchè va a rischiare il 15%. Troppo, questa percentuale al massimo deve essere del 5%.

LICENZA: si tratta di una garanzia di qualità, sicurezza ed affidabilità del broker. Chi ha ottenuto la regolare licenza è perchè rispetta delle norme ben precise e si impegna a mantenere uno standard di qualità elevato. Operare senza licenza è illegale.

fonte: www.piattaformeopzionibinarie.com

Informazioni sull'autore

MatteoT

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.