Opzioni binarie: ecco i tempi giusti per trattarle al meglio

Pubblicato da: Massimiliano - il: 17-12-2013 10:54 Aggiornato il: 28-08-2018 18:06

C’è un detto che dice: il tempo è prezioso. Uno dei settori dove questo detto ha una valenza strategica è senza dubbio nel commercio, e nello specifico quando si parla di opzioni binarie. Sappiamo benissimo che quando parliamo di opzioni binarie, stiamo parlando di uno scambio di attività. Il guadagno in denaro che ne viene fuori, si basa sull’esito della tendenza del prezzo; ma diverse attività poi vengono attuate sulla base del tempo. Ad esempio, merci, valute e indici azionari, sono scambiate sulla base delle 24 ore; e andando ad analizzare quello che è il fuso orario di ogni paese, possiamo capire bene i vari orari in cui trattare tali azioni sul mercato delle opzioni binarie.

Gli operatori guadagnano denaro, andando ad appoggiarsi su quelle che sono le previsioni della direzione. Questo mercato presenta una volatilità molto alta, che influisce moltissimo sull’andamento del prezzo. Quando il mercato è molto attivo, allora si lavora al massimo, e la conseguenza è una grande liquidità e una volatilità elevata, che consente di poter raggiungere l’obbiettivo principale, ovvero quello che l’opzione espiri. Ci sono anche altre attività, sempre basate sui mercati di 24 ore, che vedono la negoziazione arrivare al suo apice, nel momento in cui si sovrappongono le attività che sono presenti in ogni zona commerciale del mondo. Volendo fare una ripartizione preventiva, è possibile effettuarla seguendo le varie ore in cui la stessa attività viene effettuata.

Le azioni e la tempistica

Le azioni sono scambiate da sei fino ad otto ore al giorno. Entriamo ora nello specifico per capire un attimo come si muovono questi mercati. Per esempio, le azioni di grandi società di capitali che sono fuori dagli Stati Uniti d’America, sono scambiate come ADR, ovvero American Depository Receipts, sugli stessi mercati americani. Questi mercati, poi, diventano il riferimento con gli scambi che avvengono dalle 9:30 della mattina alle 16:00. Ci sono altrettanti mercati, anche in Europa, molto importanti e tra questi spicca sicuramente il FTSE, che opera dalle 7:00 del mattino alle 15:30, e il tedesco Xetra Dax, che invece è aperto dalle 8:00 alle 16:30. E’ importante sapere che, il mercato forex, arriva a raggiungere il massimo, nel momento in cui vi è l’intersezione delle ore di attività tra Londra e l’Asia e tra Londra e la stessa New York. Alla luce di tutto questo, è facile capire come per esempio il dollaro australiano verrà scambiato in maniera maggiore durante la zona temporale che vede l’intersecazione tra Londra e l’Asia.

Le merci e la loro tempistica

Per quel che concerne le merci, invece, la tempistica è differente da quella che abbiamo visto fino a questo momento. Anche qui ci sono dei periodi di maggiore intercambio e tra questi possiamo definire una sorta di specchietto riassuntivo, che evidenzia la materia, con i relativi orari di massimo scambio.  Partiamo dal petrolio che raggiunge il massimo punto di interscambio tra le 9:00 e le 14:30, mentre il gas naturale dalle 9:30 alle 17:15, il grano dalle 9:30 alle 13:15, l’oro dalle 8:20 alle 17:15, così come l’argento che varia solo nell’orario di inizio che slitta di cinque minuti, alle ore 8:25.

Altro metodo importante

C’è un altro metodo importante da tener presente, ed è quello legato allo studio delle ore di contrattazione, andando a raggruppare le merci a seconda di quelle che sono le varie borse nelle quali vengono scambiati. Diventa fondamentale puntualizzare che gli indici rappresentano degli strumenti di “contratti” per differenza, che vanno a rilevare il movimento di quelli che sono gli scambi più importanti. Alla luce di tutto questo possiamo dire che il Dow Jones 30, il NASDAQ 100, e lo S&P 500, si regolano seguendo i tempi di apertura di quello che è il mercato americano, e quindi dalle ore 9:30 alle ore 16:30; mentre il DAX 30, segue gli orari dello Xetra Dax. Dunque, il segreto sta nel capire bene la dinamica delle ore di negoziazione, relative ad ogni mercato, e una volta fatte proprie, sarà molto più facile muoversi e capire bene le potenzialità che si hanno a disposizione.

 

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Massimiliano

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com