Euro/Dollaro: 3 motivi per essere short

Pubblicato da: MatteoT - il: 09-07-2013 6:30 Aggiornato il: 17-12-2018 17:02

spread

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Durante la seduta di venerdì 5 luglio 2013, in seguito alla pubblicazione dei Non FArm Payrolls Usa migliori delle attese, il tasso di cambio tra euro e dollaro americano è sceso a 1,2805, fissando il nuovo minimo delle ultime 7 settimane.

Il sell-off iniziato lo scorso 19 giugno, in occasione del meeting della FED, è partito da area 1,34 e finora è costato alla moneta unica la perdita di quasi 600 pip nei confronti del dollaro americano. Tuttavia, molti analisti valutari sono convinti che il ribasso possa proseguire ancora nella seconda parte dell’anno.

Carlo Mariani, analista economico di Forexway Consulting, individua tre buoni motivi per essere short sulla major per eccellenza del mercato valutario da qui ai prossimi mesi. L’analista specifica che il cambio EUR/USD scenderà in area 1,22-1,24 durante i prossimi 6 mesi. Vediamo, però, le motivazioni.

1) La prima motivazione risiede nelle strategie di politica monetaria. La BCE manterrà i tassi fermi allo 0,5%, o li abbasserà ulteriormente, ancora per molto tempo. La FED ha intenzione di uscire dall’attuale politica di stimoli monetari in modo graduale,per arrivare anche all’azzeramento entro la prima parte del 2014.

2) La seconda motivazione risiede nel differenziale di rendimento tra euro e dollaro, che è destinato ad ampliarsi nei prossimi mesi a discapito della moneta unica, visto che la FED dovrebbe iniziare ad alzare i tassi e la BCE mantenerli invariati o abbassarli.

3) Infine, c’è da considerare anche un aspetto tecnico rilevante, ovvero la possibilità di un breakout ribassista esplosivo dell’area di supporto di 1,28 – 1,2750. Sul grafico weekly questa area chiave del prezzo corrisponde alla neckline di un testa e spalle, che ha una proiezione fino a 1,20 – 1,19. Per il cross euro-dollaro l’attuale fase bearish potrebbe essere soltanto agli inizi.

Insomma: non facciamoci trovare impreparati. Il sentiment ribassista sembra davvero reale e potrebbe portare volatilità e strappi ribassisti improvvisi nel prezzo.

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.