Guida al trading: i tre errori da non commettere

Pubblicato da: MatteoT - il: 15-02-2013 10:00 Aggiornato il: 17-04-2015 7:50

Negli ultimi anni, grazie alla diffusione dell’argomento ed all’aumento della capacità tecnologica di elaborazione dei processori, in molti si sono avvicinati al mercato del trading online rivolgendosi, ognuno secondo le proprie preferenze, ad azioni, valute, CFD o materie prime.

Errore

In molti, però, si sono improvvisati traders senza avere le conoscenze di base necessarie per poter operare non solo raggiungendo profitto, ma almeno cercando di non prosciugare in breve tempo l’intero conto. Attratti da fantasiose guide offerte gratuitamente sul web o da ingannevoli pubblicità in cui si promettono guadagni da manager in poche ore, c’è stata una vera e propria proliferazione dell’apertura di conti di trading.

Come ripetiamo sempre nei nostri post, però, è necessaria una conoscenza di base che in pochi hanno davvero; questa conoscenza può essere sviluppata solo e soltanto con la passione verso il mondo finanziario e con l’esperienza; è in questa direzione, quindi, che ci troviamo spesso a sottolineare l’importanza di avviare la propria attività di trading con conti demo, che simulano in tutto e per tutto l’operatività del “real”, ma che offrono l’interessante possibilità di operare con soldi finti, stile quelli del monopoli.

E’, quindi, soprattutto l’impreparazione alla base dei risultati deludenti messi assieme da molti traders; trattandosi di soldi, generalmente guadagnati con fatica, è molto importante applicare delle regole precise, rigide che consentano di gestirli al meglio, magari facendoli aumentare nel tempo.

Delle ricerche condotte tra i traders hanno evidenziato i tre errori che solitamente vengono commessi, non solo dai neofiti, e che molto spesso sono alla base di risultati deludenti; vediamoli di seguito:

1) Investire con l’istinto: non c’è niente di più sbagliato di un trader alle prime armi che, affascinato dal proprio presunto fiuto, decide di aprire posizioni “a caso”, senza aver effettuato prima un’analisi del titolo o, quanto meno, aver letto un articolo che tratta dello strumento finanziario in questione;

2) Non seguire le regole di money management: sbagliatissimo!!! Utilizzando il money management è possibile essere profittevoli, raggiungendo buoni risultati, semplicemente con il 40% delle operazioni chiuse in profitto. Il motivo è da ricercarsi nel rapporto risk-reward, che non deve mai essere inferiore all’1:1, ma che preferibilmente deve essere dal 1:2 in sù.

3) Non aspettare il momento giusto: collegato al primo punto, operare con ansia e con voglia di strafare porta al fallimento. Nel mercato le occasioni di entrata ci sono, ma non sono presenti costantemente. Non è necessario aprire dieci posizioni al giorno per ottenere profitto, sono sufficienti anche una decina di operazioni mensili per vedere aumentare i soldi sul proprio conto.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com